PON Laboratori mobili

Banner PON Ambienti digitali

 

 

 

10.8.1.A3-FESRPON-SA-2015-150

Il Liceo Euclide ha ricevuto un finanziamento con fondi europei FESR per la realizzazione di ambienti digitali nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020.

Il progetto  “Laboratori mobili”  che ha ottenuto il finanziamento prevede la disponibilità di laboratori mobili dotati di attrezzature di laboratorio e strumentazione informatica che, installati su appositi carrelli, permettano di rendere le singole aule ambienti di sperimentazione scientifica moltiplicando le opportunità di svolgere didattica laboratoriale nelle numerose classi dell’istituto.

Nel PTOF aggiornato al 13/5/2017

Poster PON Laboratori mobili1

Il Progetto

Il MIUR (Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca) ha inteso valorizzare la qualità scolastica per migliorare il livello di apprendimento nelle diverse discipline di studio e garantire a tutti gli studenti pari opportunità di sviluppo delle capacità individuali.
In coerenza, quindi, con le linee guida definite dal MIUR, si vuole progettare un modello di processo didattico innovativo che utilizzi le tecnologie digitali e si soffermi sulla nuova organizzazione spaziale delle aule in ambienti di apprendimento multimediali, per raggiungere gli obiettivi prioritari di miglioramento dell’istituto (qualità della formazione, prove INVALSI, posizionamento competitivo, placement) e per permettere alla scuola di beneficiare del potenziale offerto dall’introduzione della tecnologia digitale. Qualsiasi modello didattico deve avere come méta primaria il successo formativo dell’alunno e orientare gli itinerari scelti verso metodologie didattiche innovative più funzionali alla realizzazione e al conseguimento di risultati significativi, nello specifico di capacità dirette a esplorare, classificare fenomeni, definire questioni e problemi, stabilire e comprendere connessioni, costruire nuovi scenari interpretativi e progettare soluzioni. Un tipo di processo didattico innovativo che affianchi le tecnologie digitali alle attività di laboratorio può garantire un apprendimento di tipo personalizzato, autonomo e soprattutto collaborativo. Occorre un progetto metodologico didattico in cui ogni alunno diventa protagonista della propria formazione; non esiste un unico tipo di intelligenza ma ognuno ha un proprio “stile di apprendimento”.

Poster PON Laboratori Mobili 2Obiettivi e risultati attesi

Gli obiettivi specifici previsti e i risultati che ci prefissiamo di raggiungere con tale progetto sono:

  1. favorire l’apprendimento delle competenze chiave;
  2. favorire la centralità dell’alunno, mettendo in atto metodologie didattiche che:
    1. gli permettano di sviluppare la connessione fra il “sapere” e il “saper fare”;
    2. rafforzino la sua autonomia nel progettare e svolgere una attività sviluppando così nuove autonomie cognitive;
  3. favorire l’apprendimento cooperativo dando la possibilità di acquisire specifiche competenze e sperimentare relazioni gratificanti nel corso dell’attività;
  4. contribuire alla riduzione del fallimento formativo e della dispersione scolastica, aumentando la propensione dei giovani a permanere nei contesti formativi;
  5. proporre una più ampia varietà di metodologie didattiche che si adattino meglio ai differenti stili di apprendimento;
  6. proporre attività che, prevedendo una partecipazione più attiva dell’alunno risultino più gratificanti;
  7. favorire la partecipazione alle attività degli studenti con bisogni educativi speciali;
  8. prevedano specifiche attrezzature per le necessarie azioni compensative;
  9. portino l’attività laboratoriale nelle classi, riducendo i disagi per gli alunni con disabilità motorie;
  10. favorire “l’inclusione digitale, uno degli obiettivi dell’Agenda Digitale, incrementando l’accesso a internet, le competenze digitali e la fruizione di informazioni e servizi online tra studenti di contesti sociali svantaggiati o studenti BES, DSA e disabili”;
  11. integrare la didattica svolta nelle aule riconfigurate con quella online tramite piattaforme didattiche e/o sistemi di condivisione di documenti legati alle esperienze scientifiche;
  12. promuovere e sostenere l’innovazione per il miglioramento continuo della qualità dell’offerta formativa e dell’apprendimento.

Poster PON Laboratori mobili 3Caratteristiche del progetto

Il progetto mira ad un uso più efficiente sia degli spazi didattici che del tempo-scuola.

Grazie ad un utilizzo in parallelo con i laboratori scientifici esistenti, permette ad un maggior numero di classi lo svolgimento di attività di laboratorio  in contemporanea.

L’integrazione con la rete wi-fi esistente (che copre tutti gli ambienti dell’istituto) e il sistema di LIM presenti in ogni aula e tutte connesse alla rete, consente anche la condivisione delle esperienze fra più classi in parallelo (grazie alla webcam in dotazione) o anche la conduzione di esperienze dimostrative per un grande numero di persone nell’aula magna e nell’auditorium.

I materiali didattici di introduzione all’esperienza, le relazioni di laboratorio, i video che documentano le esperienze svolte e in generale tutti i materiali didattici connessi all’attività possono essere condivisi tramite sistemi di didattica online (si veda l’installazione di Moodle in uso nel Liceo: www.licoeuclidecagliari.it/moodle1) e attraverso i diversi sistemi di condivisione di documenti utilizzati a scuola (documenti condivisi nel registro elettronico Scuolanext, Google Drive nella versione di Google Apps per le scuole in uso nel liceo).

 

L’utilizzo del laboratorio mobile rende più semplice lo svolgimento dell’attività da parte degli studenti con disabilità motorie rendendo superfluo lo spostamento degli alunni in laboratorio.

La presenza del PC a disposizione degli studenti dotato di apposito software  open source di supporto, che va ad aggiungersi a quello della LIM presente in tutte le aule, che all’occorrenza può essere utilizzato in parallelo, permetterà agli alunni con disturbi specifici nell’area di lettura e scrittura o agli alunni ipovedenti di usufruire dei necessari strumenti compensativi e/o di supporto per l’utilizzo dei materiali preparatori, per la redazione delle relazioni di laboratorio, per la documentazione, anche multimediale, dell’esperienza.